Antichi ricordi

La «Nazionale parrocchiale» di Camignolo

Un caro amico, Aurelio, ha rintracciato nei cassetti dei suoi ricordi una fotografia preziosa e oggi quasi introvabile. Rappresenta la «Nazionale parrocchiale» di Camignolo, istituita ad inizio anni sessanta da don Mario Pontarolo, coadiuvato da un gruppetto di ragazzi dai 10 ai... 20 anni. Si giocava, con un vecchio pallone a stringhe, sul piazzale della scuola o sui prati dei «Vighinelli», all'entrata del paese. Ogni tanto, quando si riusciva a combinare, la squadra si recava in trasferta a Breganzona, Taverne, Tesserete, S.Antonino e Giubiasco, per partite amichevoli o per partecipare a tornei «a sette».

Questa fotografia mostra proprio uno di questi momenti. Siamo all'oratorio di Giubiasco nel 1963. La «Nazionale parrocchiale» di Camignolo ha appena vinto il torneo!
Accosciati, da sinistra: Pietro Zanetti, Flavio Manetti, Mirto Bernasconi, Alberto Morandi.
In piedi, da sinistra: Giuseppe Mantegazzi, Adriano Breda, Adriano Morandi, Alberto Pontarolo e Giordano Mantegazzi.

Scuola reclute nel 1987 al Motto Bartola

Del forte al Motto Bartola, ad Airolo, si riconosce la massiccia facciata, davanti alla quale posano i giovani militi della sezione anti-carro, impegnati nella scuola reclute invernale Fanteria di montagna. La foto ci è stata spedita da Guido Baier di Viganello.

Scuola radiotecnica alla Waffenfabrik di Berna

Entrambe le fotografie sono state scattate durante la scuola reclute per le truppe trasporti e riparazioni nel 1962 alla caserma di Berna. Nella prima ci sono due luganesi impegnati in una corsa d'orientamento. La recluta a sinistra nella foto è Carlo Norghauer di Castagnola, a destra è Luciano Sala di Viganello, in mezzo, che armeggia attorno alla cartina, è il friburghese Nussbaumer. Nella seconda immagine troviamo i soldati impegnati nei corsi scolastici mattutini di radiotecnica impartiti alla Waffenfabrik di Berna. Quattro i ticinesi presenti: Carlo Norghauer (primo in alto a sinistra), Numa Baselgia di Biasca (secondo il alto da sinistra), Aldo Demicheli di Lugano (terzo seduto da sinistra) e Luciano Sala (quarto seduto da sinistra).

Condividi
su Facebook - su Twitter